Info pratiche

Contratto a canone concordato

Contratto a canone concordato

I contratti a canone concordato, introdotti dalla legge 431/98, hanno una durata minima di 3 anni più altri due di rinnovo automatico (3+2).

L'importo del canone d'affitto è stabilito a livello locale attraverso l'accodo territoriale, frutto della contrattazione tra i sindacati degli inquilini e le associazioni della proprietà.

Tale calcolo (del valore a metro quadro) viene effettuato valutando in primo luogo la zona catastale in cui si trova (di pregio, zona A o zona B) e poi il numero di vani e altri parametri, quali riscaldamento centralizzato, ascensore, interventi di risparmio energetico, conta calorie, cortile condominiale etc., che aggiungono valore all'immobile.

In base alla quantità di parametri (inferiore di 4, tra 4 e 7, superiore a 7) si disegnano tre fasce in cui collocare l'immobile all'interno di una stessa zona catastale.

Consultate la tabella, è molto più semplice a farsi che a dirsi!

Nei comuni ad alta tensione abitativa i proprietari che adottano questo tipo di contratto e gli inquilini, godono di specifiche agevolazioni fiscali, sebbene con l'introduzione dell'IMU e della cedolare secca gli gli sgravi fiscali relativi a questo contratto sono diminuiti.

Per la città, l'accordo territoriale in vigore è stato siglato il 21 ottobre 2013 dalle organizzazioni provinciali dei proprietari e degli inquilini.

In allegato alla pagina trovi il testo completo dell'Accordo Territoriale e un modello di contratto a canone concordato.

A questo link invece è possibile consultare la mappa interattiva di bologna con l'indicazione delle aree.

Inoltre a questo link è possibile consultare la guida redatta dalla Provincia di Bologna al contratto a canone concordato.

Si ricorda che a sostegno dei contratti concordati l'Amministrazione Comunale ha previsto un contributo una tantum di € 500,00 che verrà corrisposto, fino ad esaurimento delle risorse stanziate (500.000 €), ai proprietari che stipuleranno o rinnoveranno un contratto a canone concordato,  ai sensi e alle condizioni previste dal nuovo accordo, con canone inferiore o pari a € 700,00.

Il modulo di richiesta del contributo e la scheda verifica devono essere inviate al Settore Servizi per l'abitare del comune di Bologna:

tramite email all'indirizzo politicheabitative@comune.bologna.it

tramite indirizzo di posta PEC politicheabitative@pec.comune.bologna.it

tramite le organizzazioni sindacali firmatarie dell'accordo.

Per maggiori informazioni, per scaricare il modulo e per verificare la disponibilità di fondi si rimanda al link del Comune di Bologna.

Documenti

Accordo Territoriale

Tipo di File: PDF Dimensione: 77.46 Kb

Contrattazione tra sindacati degli inquilini e associazioni dei proprietari sugli accordi per i contratti di affitto a canone concordato 2013

Modello contratto a canone concordato

Tipo di File: PDF Dimensione: 111.91 Kb

Legenda inserzionista [?]

Specifiche utente inserzionista

La fascetta azzurra contraddistingue gli annunci pubblicati dalle agenzie aderenti all'associazione FIMAA e all'associazione FIAIP.

La fascetta viola contraddistingue gli annunci pubblicati dalle seguenti tipologie di utenti:
- utenti registrati al sito di Iperbole, la Rete Civica del Comune di Bologna
- utenti registrati al portale UniBo.it
- utenti registrati ai portali del network Flashgiovani (www.flashgiovani.it, www.flashvideo.it, www.flashfumetto.it, www.flashmusica.it)

Quando l'annuncio non è provvisto di alcuna fascetta, significa che è stato pubblicato da un utente registrato al portale CercoCasa.Bo.It di cui viene comunque verificata la mail.

utenteUtente verificato
inserzionistaAgenzia FIMAA/FIAIP